-> ...VIVERE per MARE !!!: Salpare l'ancora, perchè ho montato il salpancore elettrico.

mercoledì 29 luglio 2009

Salpare l'ancora, perchè ho montato il salpancore elettrico.

.
Ciao a tutti dato che non sarebbe corretto dare per scontato che tutti sappiamo già cosa sia una linea di ancoraggio cercherò in due parole di riassumerlo:

su una barca a vela diciamo dai 9 metri in su, c'è la possibilità come avrete visto molte volte di potersi portare dietro un battellino di servizio detto anche Pram o Tender.

Questo oltre che ad essere un ulteriore modo di muoversi da la possibilità qualora si voglia scendere a terra di sbarcare senza ormeggiare la barca necessariamente in banchina, o su uno dei classici pontili galleggianti.

Ma la cosa più geniale e risolutrice che rende davvero indipendenti sarà a mio avviso il sapersi e potersi creare (avendo quindi una barca già dotata di tender) di una linea di ancoraggio seria e che possa permettere dove il fondo sale alla quota di max direi di 6 -8 metri di potersi fermare gettando o calando dando fondo all' Ancora.

Al neofità però tutto questo giustamente può apparire ugualmente niente e quindi l'importante sarà un attimino stabilire qual'è una linea di ancoraggio ottimale, visto che poi se ne possono portare armate pronte all'uso (di linee di ancoraggio) una sulla prua e quindi si da il caso che debba essere il miglior compromesso per tutte le condizioni meteo marine e tutti i tipi difondali.

Quindi qualè potrebbe essere la linea stagionale (parliamo luglio ed agosto mediterraneo) per una barca mediamente dai 10-14 metri di 3000/8000 kg.

Si usa innanzi tutto quale ancora?
Tutta catenaria o catenaria e cima? 

Bisogna montare necessariamente un salpancore elettrico o se ne può fare a meno?
Sono vere tutte le storie del tipo che il vero marinaio cerca sempre di avere meno congegni che si possono rompere ed hanno bisogno di manutenzione a favore del minimalismo e semplicità, e che quindi anche per il vericello elettrico si pongono in maniera perentoria con un ......ma che vuoi si tira su che viene da sola.

Beh dalla mia esperienza vi dico subito che ieri sono andato a Palermo a comprare un salpancore da istallare sulla estrema prua di "MAGICA" e da questo anche questo mio condividere questa mia scelta di scrivere questo articolo.

Beh inizialmente mi ero lasciato anche io coinvolgere da chi dice; ma dai non ce la fai neanche con la catena dell'otto, ma si che viene su bene, ed in effetti se vogliamo con uno sforzo che almeno io non è che mi senta votato più di tanto di fare, ma comunque devo dire che nelle prove poi alla fine l'ancora l'ho salpata sempre abbastanza agevolmente anche io.

E che quindi soprattutto in questa mia prima stagione con " MAGICA" in cui nell'attrezzarla al mio uso, ho già dovuto apportare non poche migliorie, aggiunte e quindi spese..credevo poter quanto meno rimandare all'anno prossimo l'eventuale istallazione di un salpancore elettrico da poter usare a motore in moto nel momento che si vuole salpare.

L'altro ieri poi in una normale giornata sono uscito con due turisti completamente a digiuno di cosa sia una barca, rotta Levanzo sosta a cala Minnola, per bagno e ritorno in serata a Trapani a vela. Durante il bagno è salito un p'ò il vento e la corrente e tutto doveva essere favorevole, visto che nei pogrammi c'era stabilito anche il rientro a Trapani a vela.

Ma in poche parole non sono riuscito a rilassarmi un attimo, in quanto se si è in due o quanto meno, puoi contare su di un qualcuno che almeno sappia dare marcia avanti e portarti sull'ancora, allora anche con più vento e corrente un p'ò più forti l'ancora si riuscirà sempre a salparla anche a mano, ma se in situazioni analoghe a quelle in cui mi stavo venendo a trovare io, con due persone appena conosciute e che le devi solo portare a fare un bagno e una velaggiata, ecco che non avere il vericello a prua è un problema che supera di netto le 860 euro che mi è costato, più l'andarlo a comprare ma soprattutto spendere questo fine luglio che in concomitanza al mio compleanno avevo programmato di dedicarlo ad una mini crociera su "MAGICA" con i miei amici più intimi.

Ma che appunto perchè più intimi spero capiscano la priorità che ho dovuto dare a questo fatto che sicuramente darà maggiore tranquillità e sicurezza a tutte le crociere del mese di agosto.
Conclusioni. 

Il vericello elettrico può essere una scelta individuale dell'armatore skipper fintanto che della barca se ne fa un uso esclusivo e personale, ma quando come me si vuole dare un servizio nella professionalità, puntualità e massima sicurezza la priorità sarà mettere un bel salpancore ed anche ed anche bello potente, perchè al cliente non puoi dire non posso dar ancora perchè c'è troppo vento e non c'è la farei a ritirarla su o salparla.

Per quanto come fare una linea di ancoraggio è scontato anche dire che questo innanzi tutto lo dovrà decidere la concomitanza di tre fattori,l tipo e peso della barca e quanto vento prende, le condizioni meteomarine e solo alla fine la linea di ancoraggio.

Che se vogliamo farne una che possa essere ottimale per la buona stagione la regola potrebbe essere mettere 5 volte la lunghezza della barca di tutta catena con montata in cima una Bruce.

NOTA: non dimenticare di omettere di usare come congiunzione tra l'ancora e la catena il dovuto moschettone che allego foto. Non usando questo snodo avrete non pochi problemi.

Un ciao alla prossima da
/)pipposail

0 commenti:

Related Posts with Thumbnails