-> ...VIVERE per MARE !!!: Naufragio dei Fresi con Autoprestige, la barca a vela con la quale stavano facendo il giro del mondo senza scalo.

lunedì 6 aprile 2009

Naufragio dei Fresi con Autoprestige, la barca a vela con la quale stavano facendo il giro del mondo senza scalo.




E' una notizia troppo triste e che non avrei mai voluto dover dare il giro del mondo in barca a vela, senza scalo sulle rotte dei clipper dei  Fresi con Onitron Autoprestige, la loro corsa purtoppo è terminata questa notte a seguito del disalberamento della loro barca, attualmente sono alla deriva nell'oceano Pacifico a piu' di 3mila miglia ad est della Nuova Zelanda, dopo che la loro imbarcazione, l'Onitron I-Autoprestige, e' stata disalberata ieri da un uragano con venti oltre i 50 nodi.

Attualmente si trovano ancora a bordo in buone condizioni di salute, hanno viveri e dotazioni di sopravvivenza e un satellitare funzionante con cui sono in contatto con le autorità che coordinanno i l lororo recupero che speriamo avvenga presto.

Attualmente quindi sono alla deriva in attesa che qualche nave venga dirottata su di loro
al termine nella maniera purtoppo più drammatica, la barca a scuffiato. Di cui riporto resoconto per come l'ho appreso io non ho voglia di commentare e dire nulla di mio sull'accaduto se non una profondo dispiecere e preoccupazione per i nostri due navigatori Italiani.

Si trovano attualmente presso l'estremità orientale della Nuova Zelanda di ricerca e soccorso. sono esperti velisti e sono in buona salute.
I Fresi (sono padre e figlio) sono dotati di un zattera salvavita, un 406 MHz EPIRB (Emergency Position segnalatori radio Beacon), un telefono satellitare Iridium, e si stima che abbiano cibo e acqua per 7 a 10 giorni.

Per il momento pare ancora non abbiano attivato l'sos epirb non, ma è probabile che lo faranno per non perdere il contatto via telefono satellitare, o se la loro situazione cambia.
Attualmente ci sono 40-45 nodi di vento sulla scena, con mari di 6-7 metri, a diminuire.

La visibilità è conseguenziale sono in buone condizioni di salute e sono tenuta in contatto con RCCNZ telefono satellitare.
Dopo che la petroliera che si sta dirigendo su di loro li avrà raggiunti, probabilmente la loro destinazione sarà quasi sicuramente l'Argentina.

Staremo a vedere incrociamo le dita e speriamo intanto nel loro al più presto avvenuto recupero, lasciando un pensiero alla barca che sarà abbandonata.........ma comunque ora speriamo tutti sull'incolumità dei due esperti e sfortunati navigatori.

Il loro sito www.girodelmondofresi.com una nave cisterna raggiungerà domani la zona dove Onitron I-Autoprestige che sta scarrocciando alla deriva. I Fresi erano partiti il 7 settembre da Porto Torres e, avevano già navigato il mediterraneo e lo stretto di Gibilterra, hanno navigato in Atlantico fino al Capo di Buona Speranza, hanno attraversato l'Oceano Indiano e dopo aver doppiato il lato meridionale dell'Australia (Capo Lewin) e la Nuova Zelanda stavano proseguendo verso Capo Horn quando quest'ultima tempesta non ha praticamente voluto che contiunuassero, disalberandogli la barca. Se volete seguire di prima mano l'evolversi della situazione questo è il loro sito: http://www.girodelmondofresi.com/

un saluto e auguri ai Fresi da
_/)pipposail

0 commenti:

Related Posts with Thumbnails