-> ...VIVERE per MARE !!!: Vite alternative il giramondo che vive per mare in barca a vela

domenica 22 marzo 2009

Vite alternative il giramondo che vive per mare in barca a vela


Andare a vivere in barca a vela ai Caraibi, avvolte mi chiedo se per me che è una esperienza che ho fatto, forse non sarebbe meglio che tratte le giuste conclusioni riuscissi ad archiviare e voltare pagina???

Ciao a tutti da _/)pipposail oggi voglio parlarvi di qualche tratto della mia esperienza di navigatore velista giramondo ma soprattutto del momento che sto vivendo attualmente, e cosa sto almeno dal punto di vista di quando, come e perchè riprendere il mare, e cosa sto organizzando.

Come già molti sanno, (ma per chi arrivasse solo ora riassumo) che dopo cinque anni di vagabondaggio e vita in barca al Caribe e sud America,

da ormai circa un anno e mezzo vivo a terra e ho venduto la mia ultima barca Eldoran con cui di fatto avevo navigato e vissuto al suo interno dal 2000 ai Caraibi.

Bene i motivi ed il perchè quell' esperienza ha avuto fine sono e potrebbero essere tanti, compresa una certa stanchezza ed usura sia mia che di Eldoran ormai anche lei (vecchia signora dei mari........


costruita pensate sul Garda da un cantiere di cui era socio anche il papà del nostro mitico Giovannino (Gioanni Soldini) nazionale su progetto: Sparkman & Stephens quindi una vera signora dei mari, degna detentrice e padrona per 5 anni della mia vita tutta,

andava anche lei restaurata, volendo o no anche solo dalle migliaia di miglia che ha navigate anche solo con me.

Poi io, che sempre come molti sanno, ho dovuto fare quel piccolo ma molto fastidioso intervento alla bocca,

che ha davvero avuto una lenta e lunga convalescenza che solo ora mi rendo conto quanto sarebbe stato avventato e sbagliato,

decidere per come forse avrei optato se non avessi trovato chi mi ha fatto un'offerta davvero vantaggiosa per la mia barca,

di fare l'intervento in una clinica privata Italiana a Santo Domingo che si chiama clinica Bellini, e che è molto conosciuta da molti trans e maggiorate Italiane.

Ma ciancio le chiacchiere e tutte queste note di colore veniamo al sodo ed al perchè di questo mio post che vuole invece cercare di trasmettere quanto sia importante ponderare con estrema serietà fare determinate scelte di vita così totalizzanti, da cui non si considera o lo si fa troppo superficialmente.

Si e che anche il cambiare idea, lo si potrà anche fare ma ad un prezzo davvero alto, e mettendo in conto che nulla potrà essere come prima daver fatto una tale esperienza di vita.

Si questo mio post per ribadire e porre l'attenzione sul fatto che nel fare la scelta di vivere per mare in barca a vela, bisogna innanzi tutto a mio avviso non avere l'illusione o anche solo semplicemente credere, che tanto poi se mettiamo venisse a noia, si faccia anche molto presto ritornare sui propri passi, magari anche come nulla fosse accaduto.

Insomma non è così, il ritorno è sicuramente più complicato, traumatico e addirittura avvolte può essere anche drammatico della partenza che invece ha e può contare sul sostegno spicologico dall'entusiasmo motivazionale datogli dal viaggio stesso.

Una volta rientrato ad una vita convenzionale invece ti ritrovi ad essere o rivestire in una vita e i panni, o il ruolo del perfetto signor nessuno, e fin quando va bene ad essere un invisibile!!!

Perchè addirittura per numerosi altri ti giudicano essere un mezzo matto un avventuriero un vagabondo nulla di buono, solo perchè faccio un'attività che non è convenzionale.

Per far capire meglio a ciò che mi riferisco, provate a pensare ad esempio alla reazione che potrei soscitare se normalmalmente alla classica domanda ma tu di cosa ti occupi?

Dicessi del tutto sinceramente e liberamente io faccio il navigatore freelance!!!

E al di la del fatto di come uno si vive tutto questo, nei canoni comuni ti ritrovi ad essere un individuo che magari superati i 40anni non esiste, un invisibile perchè in quelle convenzioni a cui la maggior parte della gente si allinea e sottomette , tipo avere una famiglia, una casa (io ho ancora una mansarda a casa dei miei genitori) poi di fatto non ho e neanche mi ricompro una macchina.

Insomma un mezzo matto per la gente, per gli altri e per questo che si deve essere davvero una persona consapevole di aver fatto una scelta di vita per sempre, e non solo estiva o quando si naviga al lasco di 18-20 di aliseo stabile, con la musica a palla e l'equipaggio in festa, e l'onda che ti fa surfare winwin

E che la stessa attenzione che comunque si ha alla rotta, ai piccole cambi e salti di vento quando a bordo sei il responsabile, lo skipper impari a tenerla constantemente nei confronti della Tua Vita Tutta, ed allora si credo che si possa aver raggiunto se non la felicità ma sicuramente una giusta consapevolezza di se stessi e ed un equilibrio e benessere spirituale.

Scusate a titolo di cortesia a chi ha avuto l'interesse di leggere fin qui credo sia giusto che dica allora a quando e come rincomincio anche ad andare per mare,

bene molto presto a giorni anzi per la verità sto anche aspettando che passa quest'altra ondata di freddo e andrò a Porto Rosa a ritirare e concludere l'affare che mi vedrà se tutto si conclude???

il nuovo armatore di un mitico Golden Lion, un piccolo barchino oceanico di 8 metri progettato da Alex Carozzo mitico navigatore oceanico e progettista ormai 20 anni fa,

questa barca racchiude il minimo di altezza in cabina e di tante altre piccole cose a cui non saprei più rinunciare tipo le vele rollabili,

il vericello elettrico un frigo, una comoda cuccetta, ed è questa la scelta che mi accompagnerà in modo parallelo al raggiungimento ultimo e definitivo che è quello di costruirmi in un progetto di cinque anni (che include anche di portatare avanti il lavoro/business su internet webtrapani.it anche la Tua web agency on line!

il catamarano con cui partirò per il mio primo giro del mondo.

[Win. Win. - Gùro - Filosofy - by _/)pipposail ]

1 commenti:

Related Posts with Thumbnails